Informativa:
questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit� illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi� o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all�uso dei cookie.
OK
 torna all'home page
 
  Spazio Culturale
 
MANUALI

accesso diretto
 OFFICE
   access2000
   excel2000
   word2000
   backup
   virus
 TOOLS
   harddisk
   registry
   winzip
   dos
 WEB
   flash5
percorso:: _Home > _Manuali > _DOS > _Capitolo 09
 fine testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale DOS
     Manuale DOS
09    ALTRI COMANDI UTILI    
 aggiungi ai preferiti

FORMAT

Il comando FORMAT serve per preparare un dispositivo per l’uso. Formattare un disco significa creare il file system (manuale di hardware www.manualipc.it) sull’unità.
Ogni disco deve necessariamente essere formattato prima di poterlo utilizzare, sia gli hard disk che i floppy disk. I floppy venduti nei negozi attualmente sono già formattati, subiscono cioè una formattazione di fabbrica per essere subito pronti all’uso. Conviene comunque formattare un disco prima di utilizzarlo, perché è un sistema per controllare il funzionamento del dispositivo. Un disco rovinato in modo grave, infatti, non può essere formattato, mentre un disco rovinato in modo lieve viene formattato, ma sarà segnalato il fatto che ci sono alcuni byte in settori danneggiati.
La sintassi del comando FORMAT prevede un parametro: l’unità da formattare. Per formattare i floppy disk si deve digitare:

FORMAT A:

mentre per formattare l’hard disk si utilizza:

FORMAT C:

Dopo l’INVIO il DOS avverte che con questa procedura tutti i dati verranno persi, cioè la formattazione elimina tutti i file e le directory contenute nel disco.
Alla fine delle formattazione è visualizzato il rapporto che in pratica dimostra se la procedura è terminata correttamente e viene chiesto di digitare l’etichetta di volume. L’etichetta di volume è un “secondo nome” che si può dare al disco, al massimo 11 caratteri. Questo secondo nome non viene considerato dal sistema operativo, ma solo dall’utente, è infatti più semplice ricordare il nome APPLICATIVI che non il nome dell’unità D:.
Il comando FORMAT prevede due opzioni utili: /Q e /S.

FORMAT A: /Q

Effettua la formattazione veloce di un floppy. La formattazione rapida è un sistema per pulire (cancellare tutti i dati) un dispositivo.

FORMAT A: /S

Copia i file di sistema all’interno dell’unità. I file di sistema sono i file minimi e indispensabili per far partire il computer. Creare un floppy di sistema può essere utile per ripristinare il sistema operativo in situazioni di emergenza.

DISKCOPY

Questo comando serve per copiare il contenuto di un disco in un secondo disco. Il secondo dispositivo deve essere uguale al primo: stessa capacità di memoria. È utilizzato di solito per copiare i floppy disk, ma può essere utilizzato anche per altri dispositivi.
Per copiare un floppy in un altro si deve digitare

DISKCOPY A: A:

Uno spazio dopo il commando e un secondo spazio dopo il nome della prima unità. Si deve copiare da A: a A: perché attualmente i PC vengono forniti di un solo driver (lettore) per i dischetti. Il DOS chiederà di inserire il disco originale e premere INVIO.
 

 
FIG. 9.01
 

Verrà letto completamente il disco, alla fine della lettura un messaggio indicherà di sostituire il disco e inserire quello di destinazione (dove si vogliono copiare i dati).

SYS

Copia i file di sistema del DOS e l’interprete dei comandi sul disco indicato. Praticamente copia i file indispensabili per avviare un computer “senza” sistema operativo. Di solito è usato per creare quello che viene chiamato un dischetto di boot, digitando:

SYS  A:

Il floppy disk in questione può essere utilizzato per avviare il computer e per fare, per esempio, dei comandi di ripristino del sistema.
Può comunque essere utilizzato per copiare i file di sistema in qualsiasi disco, sostituendo A: con il nome dell’unità.

CHKDSK

CHKDSK è l’abbreviazione di check disk, controlla disco. Utilizzando questo comando è possibile visualizzare alcune informazioni relative all’hard disk, come per esempio la capacità totale, la memoria occupata e quella libera. Si deve semplicemente digitare il comando seguito da INVIO, figura 9.02.
 

 
FIG. 9.02 

KEYB

È l’abbreviativo di tastiera, keyboard, e serve per cambiare il tipo di tastiera. Per esempio si può passare dalla tastiera italiana a quella francese, americana o di qualsiasi altra nazione. La sintassi è KEYB NAZIONE, dove al posto di nazione si deve indicare la sigla della nazione. Per esempio, per Italia, Stati Uniti, Francia e Spagna si utilizza rispettivamente:

KEYB IT
KEYB US
KEYB FR
KEYB SP

ATTRIB

Ogni file system prevede degli attributi per i file, quelli della FAT, file system del DOS, sono: sola lettura, di sistema, nascosto e di archivio.
Sola lettura significa che si può vedere il file ma non modificarlo.
I file con attributo di sistema sono quelli che servono al sistema operativo.
L’attributo nascosto impedisce di vedere il file, a meno di utilizzo di comandi particolari. Per vedere i file nascosti si deve utilizzare il comando DIR /A.
I file con l’attributo di archivio sono automaticamente inclusi nel back up del sistema.
Per modificare gli attributi di un file si deve utilizzare il comando ATTRIB, seguito dal segno + o dal segno -. Il + aggiunge l’attributo al file, mentre il – toglie l’attributo. La sintassi è ATTRIB SEGNO ATTRIBUTO NOMEFILE, dove segno va sostituito con + o -, attributo con una sigla e nomefile con il nome del file o dei file cui si vogliono modificare gli attributi. Sola lettura è abbreviato con R (read), nascosto con H (hide), archivio con A e sistema con S.
Per esempio per aggiungere gli attributi nascosto, sola lettura, sistema e archivio al file pluto.txt si devono utilizzare i comandi, rispettivamente:

ATTRIB +H  PIPPO.TXT
ATTRIB +R  PIPPO.TXT
ATTRIB +S  PIPPO.TXT
ATTRIB +A  PIPPO.TXT

Per togliere gli attributi si utilizzano gli stessi comandi sostituendo + con -.

MEM

Questo comando si utilizza per analizzare la situazione della memoria RAM. Si deve semplicemente digitare il comando seguito da INVIO.
 

 
FIG. 9.03 

FDISK

FDISK è uno dei comandi più importanti del DOS, tuttora utilizzato anche sotto Windows 9X. Serve per creare le partizioni su un hard disk, cioè per creare le unità logiche. Si dovrebbero pertanto introdurre almeno quesiti concetti per capire il funzionamento del comando, insieme a molti altri concetti che riguardano informazioni di hardware. Pertanto, per l’utilizzo di questo comando, si rimanda l’utente al manuale hardware sugli hard disk nello stesso sito: www.manualipc.it.


     Manuale DOS
09     ALTRI COMANDI UTILI    
 
 inizio testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale DOS
 
 
Pubblicità  
 
Applicazioni iPhone















Condizioni d'uso | Informativa Privacy e Cookie Policy | Crediti
Copyright©2005 tutti i contenuti sono proprietà esclusiva di ManualiPc.it

 
Manualipc - Via Casette 13 - Saletto di Breda - 31030 Treviso, Italy - tel. 0422.98135 - email info@manualipc.it - P.I. 03687860266