Informativa:
questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit� illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi� o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all�uso dei cookie.
OK
 torna all'home page
 
  Spazio Culturale
 
MANUALI

accesso diretto
 OFFICE
   access2000
   excel2000
   word2000
   backup
   virus
 TOOLS
   harddisk
   registry
   winzip
   dos
 WEB
   flash5
percorso:: _Home > _Manuali > _WORD2000 > _Capitolo 25
 fine testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale WORD2000
     Manuale WORD2000
25    STILI    
 aggiungi ai preferiti

 STILI
 

Il seguente esempio cerca di spiegare cosa sono gli stili e qual'è la loro utilità.

ESEMPIO. Stili.
Si deve scrivere la tesi di laurea (oppure un libro, un documento di grandi dimensioni). Uno dei problemi che si deve affrontare è quello di stabilire la formattazione del testo: testo del documento, titolo dei capitoli, sottocapitoli, ecc. Si supponga di aver definito come formattazione dei titoli dei capitoli il carattere “Arial”, con la dimensione 14, in grassetto e sottolineato.
Le prime difficoltà sorgono durante la digitazione della tesi: ogni volta che si scrive il titolo di un nuovo capitolo, si deve ricordare la formattazione di quelli precedenti (tutti i titoli devono avere le stesse caratteristiche). Se non si ricordano i comandi applicati ai titoli precedenti, si deve tornare indietro nel documento e controllare, oppure si può utilizzare il comando COPIA FORMATO, che però è molto scomodo in questo caso (probabilmente i titoli si trovano in pagine diverse).
Può anche succedere che, dopo aver presentato la testi al docente, questi ci suggerisca di cambiare la formattazione del documento, ma questo significa ripassare tutte le pagine e rifare tutti i comandi di formattazione.
Si supponga di poter dare un nome alla formattazione “Arial”, dimensione 14, in grassetto e sottolineato, per esempio “Titolo Capitoli”. Durante la digitazione del documento, invece di ricordare e rifare tutti i comandi di formattazione, sarebbe sufficiente selezionare il testo e fare un clic sul nome “Titolo Capitoli”, il compito di ricordare i comandi ricadrebbe sul programma. Se, dopo aver presentato il file al docente, questi decidesse di farci cambiare formattazione, non si dovrebbe ripassare l’intero documento, ma sarebbe sufficiente cambiare “l’insieme” di comandi abbinati al nome “Titolo Capitoli”. Word, qualora venisse modificato l’insieme di comandi, provvederebbe a modificare la tesi, applicando automaticamente la nuova formattazione.

Gli STILI sono un insieme di comandi di formattazione del testo, abbinati ad un nome. Esistono stili predefiniti del programma, ma è possibile crearne di nuovi. Gli stili si trovano all’interno del menu FORMATO, figura 01 (si deve ricordare di allargare la lista dei comandi).
 

 
FIG. 01
 

Facendo un clic sul comando “Stile” si apre la finestra di dialogo visualizzata nella figura 02.
 

 
FIG. 02
 

Nella casella in alto a sinistra, “Stili”, sono elencati i nomi degli stili predefiniti. All’inizio è quasi vuota, per vedere tutti gli stili si deve aprire la tendina “Mostra”, in basso a sinistra nella finestra, e fare un clic su “tutti gli stili”, come mostrato nella figura 03.
 

 
FIG. 03
 

Dopo questo comando è possibile vedere la lista completa degli stili predefiniti del programma.
Selezionando uno stile, un clic sul nome nella casella “Stili”, nella destra della finestra è possibile vedere “l’Anteprima del paragrafo” e “l’Anteprima del carattere”, che insieme visualizzano il risultato dello stile, se applicato al testo. Più in basso, sempre tenendo selezionato un nome, si può vedere la “Descrizione” dello stile, che praticamente è la lista di tutti i comandi di formattazione utilizzati per definire lo stile stesso.
Il pulsante NUOVO serve per definire un nuovo insieme di comandi di formattazione, il pulsante MODIFICA serve per modificare uno stile esistente (quello selezionato), il comando ELIMINA serve per cancellare lo stile selezionato.
Per applicare uno stile al testo si deve, prima di tutto, selezionare il testo. Poi si esegue il comando FORMATO – STILI, si seleziona un nome nella casella “Stili” e si fa un clic sul pulsante APPLICA. Nell’esempio seguente è spiegato un sistema più rapido e più comodo.

ESEMPIO. Creare e applicare un nuovo stile.
Aprire un nuovo file e digitare il testo seguente:

CAPITOLO PRIMO
Testo del primo capitolo

CAPITOLO SECONDO
Testo del secondo capitolo

CAPITOLO TERZO
Testo del capitolo terzo

Eseguire il comando FORMATO – STILI, si apre la finestra di dialogo visualizzata nella figura 02. Fare un clic sul pulsante NUOVO, si apre la finestra di dialogo visualizzata nella figura 04.
 

 
FIG. 04
 

Nella casella “Nome” digitare il nome dello stile: “Prova”.
Nella casella “Tipo” è possibile scegliere, utilizzando la tendina (freccia nera), tra “Paragrafo” e “Carattere”. Il secondo permette di utilizzare solo i comandi che si trovano all’interno del comando FORMATO – CARATTERE, mentre il primo permette di utilizzare tutti gli strumenti di formattazione. Lasciare “Paragrafo”.
Nella casella “In base a” si deve scegliere in base a quale stile partire per definire quello nuovo. Di solito si inizia dallo stile “Normale”, cioè da zero, ma è possibile iniziare da uno stile già definito. Lasciare “Normale”, se c’è un altro nome all’interno della casella selezionare“Normale”, con la tendina.
Nella casella “Stile per paragrafo successivo” si lascia, di solito, il nome dello stile che si vuole definire. Serve per fare in modo che quando si va a capo nel testo si continui a scrivere con la stessa formattazione.
Ora si devono inserire gli elementi dell’insieme, cioè i comandi di formattazione per cui si definisce lo stile. Praticamente si lavora come se fosse selezionato un testo e si stesse applicando la formattazione a quel testo, solo che invece di richiamare i comandi dal menu FORMATO, si richiamano gli stessi comandi dal pulsante FORMATO, all’interno della finestra di dialogo. La figura 05 visualizza la lista di strumenti disponibili.
 

 
FIG. 05
 

La maggior parte dei nomi nella lista sono spiegati nei capitoli precedenti.
Fare un clic sul pulsante FORMATO e uno su CARATTERE, si apre la finestra di dialogo FORMATO- CARATTERE, che è già conosciuta. Scegliere il tipo di carattere “Arial”, lo stile “Grassetto”, la dimensione 24 e il colore blu, come visualizzato nella figura 06 (i comandi utilizzati sono evidenziati in rosso).
 

 
FIG. 06
 

Fare un clic sul pulsante OK, si ritorna alla finestra di dialogo precedente (figura 04), nella quale sotto “Descrizione” appare la descrizione dello stile, cioè i comandi utilizzati, come mostrato nella figura 07.
 

 
FIG. 07
 

Fare un clic sul pulsante OK, si ritorna alla finestra iniziale degli stili (figura 02) e fare un clic sul pulsante CHIUDI.
È stato definito lo stile “Prova”, contenente l’insieme di comandi appena utilizzati, ma non è ancora stato formattato il testo.
Gli stili possono essere definiti prima di scrivere il documento e utilizzati durante la digitazione del testo, oppure, come in questo esempio, dopo la digitazione del testo.
Per applicare gli stili si utilizza la casella “Stile” sulla barra di formattazione, in alto a sinistra, visualizzata nella figura 08.
 

 
FIG. 08
 

All’interno della casella si trova la scritta “Normale”, che è lo stile utilizzato all’inizio in ogni documento nuovo, cioè testo senza nessun comando di formattazione.
Per applicare lo stile ai titoli dei capitoli, si deve selezionare il testo e utilizzare la tendina della casella “Stile”.
Selezionare il titolo “CAPITOLO PRIMO”, come mostrato nella figura 09.
 

 
FIG. 09
 

Aprire la tendina (un clic sulla freccia nera) della casella “Stile”, sulla barra degli strumenti. Si apre una lista di nomi, che sono quelli più utilizzati, tra i quali ci sono tutti gli stili definiti dall’utente. Si deve posizionare il puntatore del mouse sopra il nome che si intende utilizzare (“Prova”) e fare un clic.
 

 
FIG. 10
 

Il risultato si vede nella figura 11.
 

 
FIG. 11
 

Utilizzando lo stesso sistema, applicare lo stile “Prova” agli altri titoli, figura 12.
 

 
FIG. 12
 

Dopo aver terminato il “lunghissimo” lavoro, ci si accorge che sarebbe meglio utilizzare il colore rosso anziché il blu. Invece di rifare la formattazione a tutto il documento, è sufficiente modificare lo stile “Prova”.
Eseguire il comando FORMATO – STILI, selezionare lo stile “Prova” nella casella “Stili” e fare un clic sul pulsante MODIFICA. Si apre una finestra di dialogo che è praticamente identica alla finestra del pulsante NUOVO, tranne per il nome (nella barra del titolo), figura 13.
 

 
FIG. 13
 

Fare un clic sul pulsante FORMATO, posizionare il cursore su CARATTERE e fare un altro clic. Si apre la finestra di dialogo FORMATO – CARATTERE, nella quale si deve sostituire il colore blu con il rosso. Fare un clic sul pulsante OK, si ritorna alla finestra “Modifica Stile”, figura 13. Fare un clic sul pulsante OK, si ritorna alla finestra stili, figura 02. Infine, fare un clic sul pulsante CHIUDI.
Automaticamente tutto il testo cui era stato applicato lo stile “Prova” cambia colore, come si può vedere nella figura 14.
 

 
FIG. 14
 


     Manuale WORD2000
25     STILI    
 
 inizio testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale WORD2000
 
 
Pubblicità  
 
Applicazioni iPhone















Condizioni d'uso | Informativa Privacy e Cookie Policy | Crediti
Copyright©2005 tutti i contenuti sono proprietà esclusiva di ManualiPc.it

 
Manualipc - Via Casette 13 - Saletto di Breda - 31030 Treviso, Italy - tel. 0422.98135 - email info@manualipc.it - P.I. 03687860266