Informativa:
questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit� illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi� o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all�uso dei cookie.
OK
 torna all'home page
 
  Spazio Culturale
 
MANUALI

accesso diretto
 OFFICE
   access2000
   excel2000
   word2000
   backup
   virus
 TOOLS
   harddisk
   registry
   winzip
   dos
 WEB
   flash5
percorso:: _Home > _Manuali > _WORD2000 > _Capitolo 09
 fine testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale WORD2000
     Manuale WORD2000
09    IMPOSTA PAGINA    
 aggiungi ai preferiti

 IMPOSTA PAGINA
 

Prima di iniziare a scrivere il testo si deve scegliere il supporto su cui scrivere, cioè se utilizzare un foglio oppure una busta, le dimensioni del foglio e altre caratteristiche. Per decidere le caratteristiche della pagina si utilizza il comando IMPOSTA PAGINA che si trova all’interno del menu FILE. Lanciando questo comando si apre la finestra di dialogo visualizzata nella figura 01.
 

 
FIG. 01
 

La finestra è divisa in 4 schede, rappresentate dai nomi che si vedono in alto: Margini, Dimensioni, Alimentazione e Layout. Per passare da una scheda all’altra si deve fare clic sul nome della scheda stessa.

Cominciamo ad analizzare la scheda Margini. A destra c’è un’area chiamata Anteprima che mostra il risultato dei comandi utilizzati nel resto della finestra. Ogni volta che si utilizza un comando si controlla sull’anteprima per vedere il risultato.
Sulla sinistra ci sono le misure dei margini di scrittura, che rappresentano l’area del foglio su cui si scrive. Generalmente nessuno vuole iniziare a scrivere nell’angolo in alto a sinistra della pagina, ma si comincia un po’ più in basso e un po’ più a destra dal bordo. Praticamente i margini indicano la distanza dai bordi del foglio e creano un secondo “foglio” più piccolo sul quale si scrive il testo. La figura 02 mostra la pagina con i margini rappresentati in rosso.
 

 
FIG. 02
 

Per modificare i margini si utilizzano le frecce vicino al numero: la freccia verso l’alto aumenta il margine, quella verso il basso lo diminuisce. Le modifiche dei margini riguardano l’intero documento, dalla prima all’ultima pagina.
Sotto i margini c’è una casella chiamata rilegatura che serve se il documento stampato debba essere anche rilegato. In questo caso è utile aggiungere almeno un centimetro in più al margine di sinistra. Se non si prevede lo spazio per la rilegatura, può succedere che risulti difficile leggere nei fogli, in quanto la colla o le graffette della rilegatura tolgono spazio al testo. Per aumentare o diminuire lo spazio della rilegatura si usano le frecce, come visto per i margini. La rilegatura viene segnalata con una “griglia” nell’anteprima, figura 03.
 

 
FIG. 03
 

In basso a destra, nella finestra di dialogo, ci sono altre due opzioni riguardanti la rilegatura: Posizione della rilegatura A sinistra, In Alto. La prima è quella predefinita e visibile nella figura 03, la seconda serve per rilegare le pagine come un blocco notes anziché come un libro, figura 04.
 

 
FIG. 04
 

Sotto la rilegatura si trovano le misure dell’intestazione e dei piè di pagina, che rappresentano tutto ciò che si scrive sopra il margine superiore la prima o tutto ciò che si scrive sotto il margine inferiore, verranno trattati in un prossimo capitolo. L’unica cosa da segnalare in questo capitolo è che per i piè di pagina si deve modificare la misura, infatti molte stampanti tagliano la parte inferiore del documento se non si mette la misura di almeno 1,7 cm come piè di pagina.
Sotto si trova l’opzione Pagine affiancate, che serve quando si intende stampare fronte e retro le pagine, come nei libri. Facendo un clic sul quadrato bianco appare una V e sull’anteprima si vedono le pagine affiancate, figura 05.
 

 
FIG. 05
 

Sono cambiati anche i nomi dei margini: quello che prima si chiamava margine sinistro è diventato margine esterno, mentre il margine destro è diventato il margine interno, proprio come succede sui libri.
L’opzione successiva si chiama 2 pagine per foglio ed è una novità della versione 2.000 del programma, non c’è sulle versioni precedenti. Serve per stampare le pagine in versione ridotta, appunto per far stare due pagine sullo stesso foglio.
 

 
FIG. 06
 

Rimane il pulsante PREDEFINITO, che è meglio non utilizzare. Questo pulsante cambia i valori preimpostati dei comandi della finestra, sostituendoli con i nuovi valori inseriti. In pratica significa che aprendo un nuovo file, invece di trovare il foglio con le dimensioni e i margini normali, si trova il foglio con le impostazioni scelte dall’utente e con i margini modificati. Conviene non utilizzare questo pulsante.

Passiamo alla scheda Dimensioni, dove si può scegliere il tipo di supporto su cui scrivere, figura 07.
 

 
FIG. 07
 

Sulla destra si trova ancora l’anteprima, con la stessa funzione della scheda precedente.
A sinistra c’è una casella che si chiama Dimensioni foglio e che serve, appunto, a scegliere le dimensioni della pagina. Per cambiare le dimensioni si deve fare un clic sulla tendina, la freccia nera a destra della casella, e scegliere un tipo di foglio sulla lista che si apre, figura 08.
 

 
FIG. 08
 

Nella lista c’è una barra di scorrimento per vedere gli altri tipi di documento, tra i quali si trovano anche le buste. Il contenuto della lista dipende dalla stampante installa nel computer. È anche possibile personalizzare il foglio immettendo a mano le misure in centimetri sfruttando le caselle sottostanti: Altezza e Larghezza.
Più in basso c’è la sezione Orientamento foglio in cui si può scegliere se scrivere e stampare in orizzontale o in verticale.

La figura 09 mostra la scheda Alimentazione, che è poco utilizzata, infatti i comandi di questa scheda si trovano nelle proprietà della stampante. Conviene scegliere le impostazioni direttamente nelle proprietà della stampante.
 

 
FIG. 09
 

L’ultima scheda si chiama Layout ed è visualizzata nella figura 10.
 

 
FIG. 10
 

La maggior parte dei controlli di questa scheda sono accessibili utilizzando altri comandi, che si vedranno in seguito. Per esempio l’area Intestazioni e piè di pagina verrà trattata nel capitolo riguardante tale argomento, in questo capitolo non si capirebbe la funzione, non conoscendo l’argomento.
I comandi che si utilizzano in questa finestra sono due, di cui il primo è l’allineamento verticale. Facendo un clic sulla tendina si apre la lista dei possibili allineamenti, come si vede nella figura 11.
 

 
FIG. 11
 

L’allineamento verticale riguarda tutto il testo di una pagina e serve per decidere come sistemare il testo. Normalmente il testo viene disposto in alto sul foglio, esattamente dove è stato scritto. In alcuni casi si vuole portare il testo al centro del foglio (centrato), per esempio per fare cartelli o avvisi. L’allineamento giustificato serve per “allungare” il testo: le righe scritte sono distribuite su tutta la pagina, aumentando la distanza tra le righe.

ESEMPIO. Allineamento verticale.
Aprire un nuovo file e scrivere le tre righe seguenti sostituendo (invio) con il simbolo di fine paragrafo, come al solito.

Prima riga. (invio)
Seconda riga. (invio)
Terza riga.

Il testo è disposto in alto nel foglio, come si vede nella figura 12 (le dimensioni del testo sono state ingrandite).
 

 
FIG. 12
 

Lanciare il comando FILE – IMPOSTA PAGINA e fare un clic sulla scheda Layout. Aprire la tendina del comando Allineamento verticale, fare un clic su Centrato e un clic sul pulsante OK. Il testo verrà disposto nella pagina come mostrato nella figura 13.
 

 
FIG. 13
 

Aprire nuovamente il comando FILE – IMPOSTA PAGINA e selezionare la scheda Layout. Aprire la tendina del comando Allineamento verticale e fare un clic sulla voce giustificato, infine fare un clic su OK. Il testo verrà disposto come mostrato nella figura 14.
 

 
FIG. 14
 
 

Il secondo comando utile nella scheda Layout corrisponde al pulsante numeri di riga, che apre la finestra di dialogo visualizzata nella figura 15.
 

 
FIG. 15
 

Per aggiungere i numeri di riga si deve fare clic sulla casella bianca Aggiungi numeri di riga, che serve per attivare tutti gli altri comandi della finestra. Poi si deve scegliere il numero iniziale (comincia da), la distanza del numero di riga dal testo e ogni quante righe deve essere visualizzato il numero (conta per). La figura 16 mostra un esempio.
 

 
FIG. 16
 


     Manuale WORD2000
09     IMPOSTA PAGINA    
 
 inizio testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale WORD2000
 
 
Pubblicità  
 
Applicazioni iPhone















Condizioni d'uso | Informativa Privacy e Cookie Policy | Crediti
Copyright©2005 tutti i contenuti sono proprietà esclusiva di ManualiPc.it

 
Manualipc - Via Casette 13 - Saletto di Breda - 31030 Treviso, Italy - tel. 0422.98135 - email info@manualipc.it - P.I. 03687860266