Informativa:
questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit� illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi� o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all�uso dei cookie.
OK
 torna all'home page
 
  Spazio Culturale
 
MANUALI

accesso diretto
 OFFICE
   access2000
   excel2000
   word2000
   backup
   virus
 TOOLS
   harddisk
   registry
   winzip
   dos
 WEB
   flash5
percorso:: _Home > _Manuali > _VIRUS > _Capitolo 02
 fine testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale VIRUS
     Manuale VIRUS
02    TIPI DI VIRUS    
 aggiungi ai preferiti

TIPI DI VIRUS

Si possono classificare i virus in base alle loro caratteristiche e al modo in cui operano, di seguito sono presi in considerazione i principali tipi di infezioni.

Virus di programma
Attaccano i file di programma, con estensioni .COM e .EXE, possono inoltre infettare file che non sono programmi, ma che quando sono richiamati eseguono applicazioni specifiche, per esempio file con estensioni .SYS, .DLL, .OVL o .SCR. I programmi che vengono attaccati più comunemente sono quelli DOS.
Come tutti i programmi, anche i virus devono essere creati per un sistema operativo specifico, per cui sono in grado di infettare quel sistema e non gli altri.
Sottoclassi di questa categoria sono i com infettori, gli exe infettori e i sys infettori.

Virus "residenti" in memoria
Si installano nella memoria RAM infettando i file eseguiti, oppure aspettando che siano soddisfatte determinate condizioni. Possono essere soprascrittori o non soprascrittori. I soprascrittori modificano i file (“scrivono sopra”) creando vari problemi di esecuzione.

Virus di file
Possiamo suddividere un file eseguibile in tre parti: header, date e instructions. L’header è l’intestazione del file, dove si trovano informazioni generali relative al file e un salto (jump) all’inizio del codice, cioè alle istruzioni che costituiscono il programma vero e proprio. Le istruzioni (instructions) sono eseguite dal sistema operativo utilizzando i dati (date). Questo tipo di virus aggiunge il proprio codice a quello del programma e modifica l’header, in modo che le istruzioni eseguite siano quelle del virus. Una volta eseguite le istruzioni infette, viene lanciato un altro salto che rimanda al codice originale del programma. Quest’ultimo accorgimento serve affinché l’utente non si accorga di ciò che è successo. Infatti, all’utente sembra che il programma sia eseguito normalmente.
 

 
Fig. 01
 

 
Fig. 02
 

Boot Virus
Copiano i dati contenuti nel master boot record del disco fisso in altre posizioni e inseriscono il proprio codice all’interno dell’MBR stesso. In questo modo, ad ogni avvio del PC il virus viene eseguito automaticamente. Alla fine del codice si trova un’istruzione che manda il controllo alla copia del MBR (cioè a quello originale), in modo che il PC si avvii in modo “normale”.

Virus companion
In una cartella del disco possono coesistere due file con lo stesso nome, ma con estensione diversa. Per esempio, potremmo creare due file programma con lo stesso nome, uno con estensione .EXE, l’altro con estensione .COM. Quando viene chiamato il programma, il sistema operativo cerca il file e ne trova due, la precedenza viene data al file con estensione .COM. I virus companion sfruttano questa precedenza: cercano programmi con file eseguibili .EXE e creano, nella stessa cartella, un file .COM con lo stesso nome, con l’attributo nascosto (hide). Quando l’utente richiama il programma, viene eseguito il file del virus (.COM), che subito dopo richiama il vero programma (.EXE).

Virus del file system
Ogni disco, per essere utilizzato, ha bisogno di un file system. Il file system è una tabella che rappresenta l’intero disco e nella quale viene rappresentato ogni file registrato. Quando il sistema operativo cerca un file, non controlla tutta la superficie del disco, ma verifica la presenza del file nella tabella iniziale. Ogni riga della tabella memorizza, tra le altre informazioni, il nome del file, il percorso e la posizione “fisica” sull’hard disk. I virus del file system modificano la tabella facendo puntare i file in posizioni diverse da quelle originali, dove invece si trova il codice virale. Quando il sistema operativo cerca di aprire un file, controlla nella tabella e legge la posizione (modificata dal virus), legge i dati nella posizione indicata, quindi esegue il codice del virus. Alla fine del codice si trova l’indirizzo originale del file, in modo che questo venga caricato in memoria e l’utente non si accorga di quello che realmente accade.

Virus di macro
Le macro sono procedure scritte in linguaggi di programmazione per eseguire comandi di un programma, di solito sono utilizzate per eseguire operazioni lunghe e ripetitive al posto dell’utente. Possono essere scritte direttamente in un linguaggio di programmazione, di solito Visual Basic, oppure create utilizzando strumenti dei programmi stessi (registrazione di macro). Sono molto comuni nei programmi dell’Office (Word, Excel e Access). Utilizzando le istruzioni del linguaggio di programmazione, è possibile fare eseguire alle macro operazioni non volute e nascoste all’utente, per esempio modifiche dei dati. Sono il tipo di virus più facile da creare, ma anche il più facile da rimuovere.

Trojan
Consistono in file nascosti all’interno di programmi di utilizzo comune e largo utilizzo per gli utenti. Per esempio, si potrebbe trovare un gioco gratuito disponibile in rete che, una volta scaricato ed eseguito, installa un programma client nel PC, comandato da un server remoto. L’utente riesce a giocare, gratuitamente, e non si accorge del lavoro sottostante: il client si connette al server remoto che può fargli eseguire operazioni dannose, come cancellare i dati, formattare i dischi o altre. Il client è il virus.

Bombe ANSI
Modificano il file config.sys, assegnando a tasti comunemente utilizzati, o a combinazioni di tasti, stringhe di comandi che potrebbero risultare dannose (per esempio format c:, del *.*).

Bombe logiche
Si tratta di routine, piccoli programmi, che sono eseguiti al verificarsi di alcune condizioni prestabilite, come per esempio ad una data e un’ora stabilite.

Worm
Si tratta di programmi che si riproducono rapidamente nella rete, cercando tutti i sistemi connessi in rete, infettandoli. Lo scopo è quello di saturare la rete, generare tanto traffico, in modo da degradare le prestazioni o bloccare i sistemi stessi.  Un worm famoso è quello che si diffuse in Internet nel novembre 1988, diffondendosi in poche ore su oltre 6.000 computer.

Residenza in memoria
I Terminate and Stay Resident sono programmi che si caricano in memoria RAM, dove eseguono il loro codice. Devono essere eseguiti automaticamente al boot del PC, oppure dall’utente. Quando il codice viene eseguito, è in grado di prendere il controllo del sistema e di sfuggire agli antivirus: una delle operazioni che di solito viene eseguita è di terminare l’esecuzione degli antivirus, in modo da evitare la scansione. Prendendo il controllo del sistema, sono in grado di “comandare” l’intero PC.

Mimetizzazione (Stealth)
Sono virus che cercano di nascondersi alle rilevazioni, usando tecniche quali l'intercettazione delle operazioni di lettura sul disco per fornire informazioni corrette dei file infetti. Per esempio, quando un file viene “contagiato”, le sue dimensioni in byte aumentano. Un modo per verificare se il file è infetto è quello di controllarne le dimensioni. È qui che intervengono questi virus, quando un programma controlla le dimensioni del file, il codice del virus intercetta il comando e risponde con le dimensioni precedenti all’infezione.
Alcuni virus, dopo aver infettato un file, ne modificano la voce corrispondente nella FAT, in modo da far apparire inalterata la sua lunghezza; alcuni virus di boot, in caso di controllo, restituiscono l’MBR originale, nascondendo l’infezione.
Ad esempio, il virus Whale è un virus a stealth parziale. Esso infetta i file di programma .EXE e altera le voci delle cartelle dei file infetti quando altri programmi tentano di leggerle. Il virus Whale aggiunge 9216 byte a un file infetto. Poiché i cambiamenti delle dimensioni dei file sono indice della presenza di un virus, il virus sottrae successivamente lo stesso numero di byte (9216) dalle dimensioni di file indicate nella voce di directory/cartella per indurre l'utente a credere che le dimensioni del file non sono cambiate.

Virus con cifratura del codice
I virus sono caratterizzati da stringhe di codice, che sono sempre uguali. Gli antivirus possono cercare la stringa di codice corrispondente e, di conseguenza, trovare ed eliminare il virus.
Per evitare di essere scoperti, alcuni virus cifrano il codice, in modo che gli antivirus non possano trovare la stringa di codice. Questi virus sono costituiti da una procedura di decifrazione e dal codice crittato. Quando devono essere eseguiti, prima viene decifrato il codice, utilizzando la procedura, poi viene eseguito il codice in chiaro. Nella fase di infezione, il codice viene nuovamente crittato all’interno di nuovi file.

Polimorfismo
Presentano caratteristiche simile ai precedenti, con l’aggiunta di una procedura che modifica in modo casuale la routine di decrittazione, dopo ogni infezione. Sono codificati il corpo del virus e il mutation engine (generatore casuale degli algoritmi di codifica). Quando viene eseguito un programma infetto, la routine di decrittazione (sempre in chiaro) decodifica le parti cifrate del virus, permettendo l’infezione di nuovi file. Durante il processo di infezione viene copiato, oltre al codice, anche il mutation engine, che genera casualmente una nuova procedura di cifratura.


     Manuale VIRUS
02     TIPI DI VIRUS    
 
 inizio testo aumenta dimensioni testo diminuisci dimensioni testo informazioni indice manuale VIRUS
 
 
Pubblicità  
 
Applicazioni iPhone















Condizioni d'uso | Informativa Privacy e Cookie Policy | Crediti
Copyright©2005 tutti i contenuti sono proprietà esclusiva di ManualiPc.it

 
Manualipc - Via Casette 13 - Saletto di Breda - 31030 Treviso, Italy - tel. 0422.98135 - email info@manualipc.it - P.I. 03687860266